L’hummus di ceci è uno dei simboli della cucina medio orientale nel mondo che sta diventando sempre più popolare in Occidente.

L’etimologia della parola araba rimanda al suo ingrediente principale ovvero i “ceci”: l’hummus è infatti una semplice crema di ceci mescolata alla crema di sesamo (nota come tahina)olio extravergine d’oliva, succo di limone, sale e aglio.

Nella versione originale, è servito come antipasto o salsa da condimento, sia nella pita (pane piatto lievitato rotondo) sia sul pane azzimo, o proposto anche come ingrediente del meze (selezione di antipasti tipica del medio oriente e della Grecia) o come accompagnamento ai falafel  e ad alimenti grigliati come il pesce e le melanzane.

Nel mondo esistono centinaia di ricette diverse, generate dalle innumerevoli rivisitazioni che prevedono l’utilizzo di legumi diversi e/o l’aggiunta di altri ingredienti.

Dal punto di vista nutrizionale, l’hummus può considerarsi un “super-food” dai molteplici benefici, poiché è molto ricco di:

  • Carboidrati, essenzialmente amidi che donano energia e contemporaneamente regolano i livelli di glucosio nel sangue (sono assorbiti lentamente dall’organismo)
  • Proteine, dall’alto potere saziante che, se combinate con i carboidrati (es. pane), risultano di alto valore biologico (i ceci sono tra i legumi più ricchi di proteine).
  • Fibra, favorisce il senso di sazietà ed il transito intestinale
  • Grassi “buoni”ovvero grassi monoinsaturi (acido oleico dell’olio extravergine d’oliva) e polinsaturi (omega 3 ed omega 6 concentrati soprattutto nella tahina), con proprietà anti infiammatorie, in grado di ridurre i livelli di colesterolo totale, i trigliceridi e la pressione sanguina, tutti fattori di rischio cardiovascolare
  • Triptofano, amminoacido precursore della serotonina, “l’ormone della felicità”, in grado di donare una sensazione di benessere, funzionando come un antidepressivo naturale
  • Magnesio, aiuta il rilassamento e concilia il sonno
  • Vitamine del gruppo Btra cui l’acido folico (o Vitamina B9),necessario soprattutto alle donne in gravidanza ed ai bambini in fase di accrescimento
  • Ferro, il cui assorbimento è favorito dalla vitamina C e dall’acido citrico contenuto nel succo di limone
  • Antiossidanti (circa 1000 unità ORAC), come l’acido fitico e le saponine, potente arma contro i danni cellulari che sono alla base di molte patologie, quali tumori e malattie degenerative.

Sebbene sia facile trovarlo confezionato e già pronto in molti supermercati, prepararlo in casa garantisce che il prodotto sia fresco, preparato con ingredienti naturali e completamente personalizzato secondo i propri gusti.

Inoltre l’hummus è una ricetta economica (circa 4 euro per 4 persone), velocissimo da preparare, molto nutriente, che si conserva per 2-3 giorni in frigorifero, con la possibilità quindi di raddoppiare le dosi durante la preparazione.

Adatto a tutta la famiglia, da servire caldo o freddo, ecco alcuni suggerimenti su come consumare l’hummus:

  • Come antipasto, con un pinzimonio di verdure crude di stagione (es. carote, finocchi, sedano) o con del pane tostato
  • Per un pasto fuori casa sano e completo, magari in un due fette di pane di segale ed accompagnato da verdure.
  • Come sana merenda per i bambini, spalmato su una fetta di pane, una valida alternativa alle  creme ricche di zuccheri e grassi saturi ed ai prodotti proteici di origine animale. Infatti, è graditissimo dai più piccoli: un modo semplice per incentivare il consumo dei legumi!
  • Come uno spuntino sano, incluso nella dieta degli sportivi, perché è una grande fonte di energia (circa 200 kcal/100 g)

Quella che propongo è la ricetta base dell’hummus che potrete divertirvi a modificare seguendo i vostri gusti personali, con un occhio sempre alla stagionalità delle verdure nel caso in cui le utilizziate fresche: pomodori a cubetti, cetrioli a cubetti, pomodori secchi, zucca grigliata, basilico, origano, cipolle, peperoncino, funghi trifolati, olive nere e/o verdi, capperi e tutto quello che stimola le vostre papille.

CALORIE PER PORZIONE: 280 kcal

DIFFICOLTÀ: facilissima

COSTO: economica

TEMPO DI PREPARAZIONE: 5 minuti

PORZIONE: per 4 persone

 

INGREDIENTI

  • 300 g di ceci cotti (o acquistati precotti)
  • 2 cucchiai di tahina (si trova nei negozi di prodotti biologici e/o etnici, oppure si può preparare semplicemente frullando nel tritatutto 3 cucchiai di semi di sesamo tostati come primo passaggio)
  • Il succo di 1 limone spremuto
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 1 spicchio di aglio fresco (o 1 pizzico di aglio in polvere se non si amano i sapori decisi)
  • 1 pizzico di sale
  • ½ cucchiaino di semi di cumino
  • una manciata abbondante di prezzemolo
  • 1 pizzico di paprika(facoltativo)

PROCEDIMENTO

  1. Scolare i ceci dal liquido di cottura o di conservazione.
  2. Riunire nel mixer (va bene anche un frullatore ad immersione) i ceci con la tahina, il succo di limone, l’olio extravergine d’oliva, uno spicchio d’aglio, i semi di cumino ed un pizzico di sale.
  3. Tritare tutto, aggiungendo 1-2 cucchiai di liquido di cottura dei ceci o dell’acqua se necessario, fino ad ottenere una consistenza cremosa ed omogenea.
  4. Infine, servire con un filo d’olio d’oliva, spolverizzando con abbondante prezzemolo ed un pizzico di paprika (facoltativa).

Per indicazioni su come cucinare i legumi cliccare qui

Fonte immagine: Fotolia

© Riproduzione riservata